Archivi tag: collective

TITOR + OFFICINE AURORA LIVE @ BLAH BLAH – TORINO

Parola d’ordine della serata: ULTIMO
“L’ultimo” è il titolo dell’ ultimo disco dei TITOR, che hanno suonato il loro ultimo live a Torino prima di appendere il microfono al muro (cit.)

Causa lavoro arrivo al Blah Blah mentre gli Officine Aurora ( rock/noise da Torino) stanno finendo la loro performance, quindi riesco a sentire solo gli ultimi due pezzi e notare che IL locale era già colmo di persone per supportare gli opener della serata.

image1

Salgono sul palco i Titor ed è subito festa!
Le prime file iniziano a dimenarsi, si respira un aria famigliare e quasi intima. La setlist è improntata principalmente sul nuovo disco e sui brani come “AL.D.LA.” (di cui hanno girato anche un video), “Je m’accuse!”, “Novecentonovantanove” e “GloriaDue”. Non mancano comunque le vecchie glorie come “Motocross” e “Duel”.

image2.JPG

Durante il live Sabino, frontman del gruppo, chiama sul palco diversi ospiti/amici per dei feat. davvero interessanti, tra cui Lucia, voce femminile dei Blou Daville e Nitto dei Linea77. Dopo un breve encore i Titor salutano e ringraziano pubblico e locale ricordando che si tratta dell’ultima volta.

image3.JPG

Oltre ad essere ottimi musicisti i Titor hanno energia da vendere, attitudine e una voglia di suonare e mettersi in gioco che fa invidia ad alcune giovani band. C’è bisogno di band del genere e quindi speriamo di rivederli presto.

testo e foto / Gianmarco Blasi

Contrassegnato da tag , , , , , , , , , , , ,

DAI NOSTRI “INVIATI SPECIALI” MATTEO E PIETRO: BOLO HXC FEST 2 @ VILLA SERENA (BOLOGNA)

Definire il Bolo HxC Fest 2 come un concertone sarebbe riduttivo, come anche il fatto di raccontare questa giornata come un susseguirsi di gruppi su un palco, perché in realtà è stato ed è molto di più!

Per noi di Torino è stato quasi un pellegrinaggio tra pullman, treni e chilometri e chilometri di camminate, ma tutti questi sforzi sono stati ripagati da una situazione che va al di là della semplice musica.

Il concetto di passione, attitudine e fratellanza che c’è all’interno del festival è qualcosa che ti porta oltre e allo stesso tempo ti fa comprendere come questi valori portati avanti nel tempo diano risultati bellissimi.

13010850_551487768355380_4877566446569804507_n.jpg

Dal punto di vista musicale la line-up è stata perfetta ed è doveroso citare tutte le band di ragazzi che hanno calcato quel palco e di cui consigliamo vivamente l’ascolto: Fingers to the Bone, Baron Samedi, Show Of Force, Die Trying, Walk Into The StormTiger Shot, RTC, GTA, One Shall Stand, Oltrezona, Insanity, Damn City, Straight Opposition e Rise Of The Northstar; tutti gruppi validissimi provenienti da realtà diverse del panorama hardcore italiano ed estero, ognuno con le sue sfaccettature e differenze di suono ma tutti con la stessa mentalità, che è in assoluto la carta vincente di un festival come questo.

Noi siamo stati veramente orgogliosi di aver preso parte a questa festa insieme ad altre realtà e crew italiane, così come di aver condiviso la giornata insieme ad altre distro e ai ragazzi di Sea Shepherd e ci tenevamo a ringraziare di cuore tutti i ragazzi della Nuke Crew di Bologna per aver tirato su una bomba simile!

testo (ma soprattutto viaggio!) / Matteo Bertolino & Pietro Mugetti

Contrassegnato da tag , , , , , , , , , , , , ,

NOISE TRAIL IMMERSION + FORGOTTEN TEARS + MY AIM TO FAREWELL +AS A CONCEIT + DEPTHSCENT LIVE @ LAVANDERIE RAMONE (TO)

ARISE 8 inizia con il botto: i Depthscent salgono sul palco con la solita presa bene di chi suona per passione e si vede. Tanta grinta e tanta padronanza del palco per i ragazzi che, come spesso ripete il cantante Carlo, chiariscono la loro provenienza da “la Città dei Casini”, facendo su un bel bordello per tutta la durata del live. Dal punto di vista musicale sono forse una delle realtà più promettenti del panorama metalcore cittadino e  i loro pezzi mai scontati e sempre molto molto carichi lo dimostrano ampiamente.

DSC_0205.jpg

È il turno della prima band da fuori, i veneziani As A Conceit, che hanno scelto Torino come città per far partire il loro tour in giro per l’Europa. Tecnicamente ineccepibili e con sonorità chiaramente riconducibili a gruppi come gli Architetcs, hanno fatto prendere bene i  tanti ragazzi e ragazze presenti sotto palco mantenendo alto il livello della serata.

DSC_0278.jpg

Ecco che tocca a uno dei gruppi di punta del metalcore nostrano, i My Aim To Farewell, con una formazione atipica ma con la solita cattiveria e aggressività che caratterizza il loro sound. La mancanza del frontman ha fatto si che sul palco si alternassero diverse voci. I primi brani sono toccati a Carlo dei Depthscent, che ha lasciato poi il posto a Giulio dei Thousand Miles Away. Il gran finale è toccato a Fabio dei Noise Trail Immersion che dopo un paio di pezzi da solo ha concluso la scaletta insieme a Raoul, batterista del suo gruppo.

DSC_0375.jpg

Dopo questa scarica di cattiveria è toccato ai milanesi Forgotten Tears non far calare di intensità il live. I quattro di Milano non hanno di certo fatto rimpiangere le altre band, proponendo un sound compatto e lineare, con sonorità tipiche dello swedish metalcore e tanta tanta grinta. Sul palco si nota l’esperienza data dai tanti palchi calcati dalla band e la passione che mettono in ciò che fanno.

DSC_0636.jpg

A chiusura della serata è arrivato il momento dei Noise Trail Immersion. Luci quasi del tutto inesistenti, suoni giganti, tecnica da vendere, corde in quantità e una voce potente e rabbiosa sono il cocktail perfetto per definire il mathcore che portano sul palco questi ragazzi.  Si può dire che siano stati il completamento perfetto a una serata come questa, ricca di “casini” e grande presenza scenica.

DSC_0762.jpg

testo e foto / Matteo Bertolino

Contrassegnato da tag , , , , , , , , , , , , , ,

UNDERSMOKINGDOORS + THE REJECTED + CROSSING BELT + RAINTOWN live @ DAEVACIAN (Bruino – TO)

Sabato 9 aprile noi di Turin Is Not Dead abbiamo voluto sperimentare: non perchè le band selezionate fossero poco valide, anzi, ma perché il genere proposto questa volta è stato ben diverso dagli standard con i quali abbiamo abituato i nostri affezionati. Ebbene sì, abbiamo deciso di regalarvi una serata più leggera, chiamando in nostro supporto più che affidabili realtà locali. Ma bando alle ciance ed entriamo nel vivo di una serata che è stato un esperimento più che riuscito. Ancora una volta, un sentito ringraziamento al Daevacian, che è stato anch’esso “cavia” del nostro esperimento.

DSC_0069.jpg

A iniziare sono i Raintown. Potenza e tecnica sono i loro assi nella manica, così come la vena crossover che contraddistingue loro e tutti i gruppi della serata. Il pubblico comincia a scaldarsi fin da subito ed è bellissimo vedere che, nonostante si tratti del gruppo d’apertura e sia ancora presto, la band abbia un buon seguito di fan venuti apposta per loro. Bello spettacolo e pezzi originali.

DSC_0139.jpg

Tocca poi ai Crossing Belt. Portano sul palco un rock solido e compatto, accompagnato dalla notevole qualità canora del cantante. Le chitarre affettano l’aria del locale, i suoni sono ottimi. La sala concerti del Daevacian, abituata a sonorità prevalentemente aggressive e tonanti, comincia a riempirsi, rivelandosi un accogliente rifugio anche per coloro che cercano più calma nell’approccio musicale.

DSC_0240.jpg

Ma non c’è momento più sbagliato per parlare di calma che l’attimo in cui salgono sul palco i The Rejected: un mix potentissimo fra melodia e post-hardcore. Questi ragazzi sono temprati e si vede da come si muovono sul palco: dalle classiche mosse “core” sincronizzate a pura espressività emozionale, regalano uno spettacolo decisamente apprezzabile,  sia per gli occhi che per le orecchie.

DSC_0618.jpg

E’ il momento che la maggior parte del pubblico sembra aspettare: ecco che gli UnderSmokingDoors collegano i cavi agli strumenti e comincia il delirio. Decisamente ferrati, i sei membri del gruppo dimostrano un’abilità musicale e di coinvolgimento veramente rara. E’ l’ultima data con l’attuale line up, e il gruppo dimostra tutto l’affiatamento e la passione di anni condensate in quest’unica ora. E’ inutile dire che il risultato è eccezionale.

testo / Pietro Mugetti – foto / Matteo Bertolino

Contrassegnato da tag , , , , , , , , , , , , , ,

#ARISE SPECIAL W/ JOEY CAPE (USA) + YOTAM BEN HORIN (IL) + WALT HAMBURGER (USA) +LAURA MARDON (AUS) live @ Spazio 211 – Torino

Giovedì, armato di ombrello e macchina fotografica, mi sono avventurato per le vie di Torino alla volta di sPAZIO211, dove una volta arrivato sono stato immediatamente ben accolto e ho potuto ristorarmi con una birra fresca. Sono arrivato giusto in tempo e puntualmente, mentre il locale iniziava a riempirsi,  il concerto ha avuto inizio.

IMG_0876.jpg

Ad aprire le danze di questo ARISE special è toccato a Laura Mardon, giovane cantautrice australiana da poco aggiuntasi al roster della One Week Records, etichetta di Joey Cape, della quale fanno parte tutti gli artisti di questa sera. Per la prima volta in Italia ma per nulla spaventata, la sua voce profonda risuona per una buona mezz’ora, convogliata dall’ottima acustica di cui è fornito il locale in questione e accompagnata da accordi sferzanti. Un inizio più che notevole per una serata che, a sdegno delle aspettative di un inesperto, si preannuncia movimentata e groovy.

IMG_0905.jpg

Pochi rapidi minuti di cambio palco ed ecco che tocca a Walt Hamburger. Presenza di spessore sul palco, i testi sembrano antiche ballate marinare. Il piglio malinconico non fa comunque passare la voglia di agitarsi e fra il pubblico, ora decisamente più gremito ma non ancora al completo, qualcuno comincia a scatenarsi. Come ogni buon straniero per la prima volta in visita al bel paese, Walt si concede qualche secondo per apprezzare le meraviglie nazionali, focalizzandosi particolarmente sulla birra Moretti. Il suo set prosegue senza alcun intoppo, con il sorprendente accompagnamento su un paio di pezzi da parte di Joey Cape in persona e il collega Yotam Ben Horin.

IMG_1012.jpg

Sono passate circa un paio d’ore da quando sono arrivato al locale ma nonostante la serata superficialmente classificabile come monotematica si prospetti ancora lunga sono molto curioso di sentire quelli che dovrebbero essere i pezzi forti. Yotan Ben Horin non delude per nulla le aspettative: simpatico, energico, cattura il pubblico con la sua parlantina e si lancia addirittura in un improvvisazione canora in rima che fa sciogliere anche i più truci fra la piccola folla che si è venuta a creare sotto il palco.  Anche durante la sua performance salgono a fargli compagnia Cape e Hamburger e ci si avvicina piano piano al gran finale.

IMG_1094.jpg

La sala concerti di sPAZIO211 è ormai gremita quando infine sale sul palco Joey Cape: si presenta con una gran tazza da colazione ricolma di whisky e attacca a suonare. La tristezza di cui sono intrisi i suoi ultimi pezzi è materialmente percepibile, ma questo non rovina assolutamente l’atmosfera, considerando che alla tristezza viene accostata la focosità di tracce più datate. Il pubblico è in visibilio, dai più giovani ai più vissuti.

Sicuramente un concerto che ogni appassionato non avrebbe dovuto perdersi.

testo e foto / Pietro Mugetti

Contrassegnato da tag , , , , , , , , , , , , , ,

THE FERAL KINGS + THE BLACKLAVA + KEBRAH + THE RIGLETS live @ Patchanka (Chieri – TO)

Più di un mese fa i ragazzi dei The Feral Kings ci hanno chiesto di trovare due band spalla per una serata organizzata insieme ai The BlackLava: noi gli abbiamo dato i The Riglets e i Kebrah, la location è il Patchanka di Chieri, il giorno è venerdi 18 marzo e questo è ciò che è successo.

IMG_8356

Arrivo, per vari motivi, come unico membro di TIND a questa serata, gestendo da solo sia questo report che le fotografie utilizzate all’interno di esso. Per fortuna non ero completamente da solo al Patchanka, ma ho la compagnia di Marzo, un nostro carissimo amico che mi ha salvato dalla solitudine del viaggio (grazie ancora, ti vogliamo bene!). La serata ha come soggetto principale il rock e le sue molteplici sfaccettature, il tutto condito da quattro band giovanissime (nate tutte e quattro tra il 2013 e 2014) e decisamente valide per gli amanti del genere.

Si inizia con i The riglets, principalmente la band più “puro rock” della serata e il loro video ufficiale “But Now” su YouTube lo dimostra, compresi gli assoli che potreste sentire a tutti i loro live. Il cantante-chitarrista fa sempre il suo bell’effetto e hanno suonato in modo decisamente otttimo tutta la scaletta che avevano. A breve dovrebbero far uscire il loro primo EP, quindi seguite la loro pagina che ne vedrete sicuramente delle belle!

IMG_8419

Tempo di un velocissimo cambio palco e mi trovo davanti sul palco i Kebrah. Sicuramente tra le quattro band loro sono quelli più “grandi” di età. Il cantante sale sul palco con la maglietta dei Motorhead e da lì si è subito capito cosa mi sarei trovato di fronte: puro e sano hard-rock. Qua i ritmi sono stati decisamente più veloci e movimentati, ed è stato anche bello vedere come persone adulte abbiano ancora un’ottima attitudine sul palco.

 IMG_8446

Se la band prima ha prodotto puro hard-rock, la terza band si presenta su Facebook come rock / stoner / grunge ed è effettivamente lo stesso modo in cui li avrei definiti io se qualcuno me lo avesse chiesto. Le chitarre dei The BlackLava in alcuni casi mi hanno anche ricordato gli Every Time I Die e il cantato mezzo pulito e mezzo sporco è stata una scelta decisamente azzeccata.

 12814520_1524775321151002_124977575004805092_n

Headliner della serata, i The Feral Kings hanno fatto un live mescolando canzoni cantate sia in inglese che in italiano; le loro sonorità sono molto più vicine all’alternative rock italiano piuttosto che al rock classico. I ragazzi hanno tenuto benissimo il palco e il tanto fumo su di esso ha creato un’atmosfera decisamente stimolante, anche se a mezzanotte e mezza era rimasta poca gente, hanno dimostrato di dare tutta l’energia nei loro colpi per concludere in bellezza questa serata.

 Un saluto va ai The feral kings che ci hanno contattato per portare due band, alle “nostre” due band (The Riglets e Kebrah), ai The BlackLava, ai fonici e il tecnico luci per lo splendido lavoro e a tutti i ragazzi del Patchanka che da anni continuano a mandare avanti un bellissimo locale in provincia!

testo / Fabio Mattiuz – foto / Fabio Mattiuz

Contrassegnato da tag , , , , , , , , , , , , , , , ,

A METALCORE NIGHT w/ HACKTIVIST (uk) + WE SURVIVED THE MAYA +THOUSAND MILES AWAY + DEPTHSCENT + BREATHE ME IN + DOROTHY + AETHERIALS live @ EL BARRIO (Torino)

Quattro giorni fa ho avuto la dimostrazione che la scena metalcore torinese, quando viene prodotto e pubblicizzato bene un evento, c’è ed è bella attiva.
Il locale in cui si è svolta questa serata è El Barrio, ex scuola elementare adibita a sala concerti, ottima e imponente location vista dall’esterno, situata in una strada secondaria della zona industriale di Torino nord. A dirigere l’orchestra il nostro Luca Buono che, insieme ad altre persone competenti, non senza alcuni problemi iniziali, è riuscito a produrre degli ottimi suoni, forse troppo alti nel complesso, ma in fondo la colpa è probabilmente solo mia che sono stato sotto le casse per tutta la durata del live, distruggendo i miei timpani. Strano, non succede mai. Arrivati un’ora in anticipo io e Matteo ci rechiamo a cenare al bar del locale;  cheeseburger per me e Rum Cooler per lui, grazie!

 DSC_0292

La serata, come previsto, inizia puntuale alle 19.45; ad aprire le danze gli Ætherials (o “eterials”, scegliete voi come volete chiamarli, visto che è difficile dire quella ae). La nuova band di Torino ha saputo intrattenere il poco pubblico presente durante l’ora di cena. Gli errori ci sono stati, giustamente, come ogni nuova band che entra nel panorama della musica live, ma dopo un paio di tracce la situazione è migliorata notevolmente e i ragazzi hanno fatto del proprio meglio per far vedere che i primi a suonare non sono per forza sempre quelli più scarsi.

 DSC_0484

Tempo di un veloce cambio palco (così per tutte le band, fortunatamente) e mentre bevo un San Simone mi godo il secondo gruppo, i Dorothy; vengono da Roma, hanno ritornelli che mi ricordano i Dufresne (figata) e la cosa che più mi ha colpito è stato il dj sul palco, scelta azzardata per il tipo di musica fatta, ma devo ammettere che ha fatto la sua porca figura e il live è filato liscio come l’olio. Onorevole, da parte loro, ricordare l’amico nonché compagno di viaggi e concerti Davide, venuto a mancare l’anno scorso.

 DSC_0735

La gente inizia ad arrivare in modo esponenziale, e mentre si riempie la sala concerti salgono sul palco i Breathe Me In, freschi di video nuovo con il cantante dei Cry Excess. Qui la formazione, oltre a essere composta da ragazzi giovanissimi come la maggior parte delle band di questa serata, è classica da band metal: due chitarre, un basso, una batteria e un cantante. I ragazzi scaricano una raffica di breakdown che fa (finalmente, perché era già passata un’ora e mezza dall’inizio del live ) inziare a pogare la gente sotto al palco. Bravi tutti!

DSC_0173

A seguire un’altra band che ha partecipato insieme agli Ætherials a una serata targata TIND: i Depthscent. Per gusti personali, è la band che ho apprezzato di più come sonorità. I ragazzi non fanno niente che non si sia già sentito, ma lo fanno bene, molto bene! Si avvicinano molto di più al metal piuttosto che al metalcore e hanno fatto un ottimo concerto, con tanto di stage diving da parte di Carlo (il cantante).

DSC_0211

Sono le 22.00 circa e per intrattenere il cambio palco e fare casini sale il mio amico di lunga data Francesco Nobile, che in poco tempo fa andare via tutti da sotto al palco ma meglio così, tanto a noi “non ce ne fotte”, proprio come dice lui.

DSC_0512

Thousand Miles Away: ecco il nome della quinta band. Sono giovanissimi e devo ammettere che hanno tenuto il palco molto bene; fanno metalcore e il loro cantante riesce a passare daL melodico all’urlato in un attimo, e ovviamente non sono da meno i suoi compagni di avventura. Il pubblico canta tutte le loro canzoni a memoria, sicuramente una cosa positiva anche per i ragazzi che da sopra il palco hanno assistito a questa scena. Quaranta minuti di fuoco e si passa all’ultima band locale prima dei tanto attesi headliner.

 DSC_0806

Se i Depthscent dal lato musicale sono stati quelli che ho apprezzato di più all’interno della serata, sicuramente quelli dove c’è stato più casino sia sopra che sotto il palco sono stati i We Survived The Maya. Si sono presentati sul palco con degli estintori pieni di aria compressa e durante tutto il concerto la gente si è menata sotto il palco, mentre loro sul palco erano gasati come pochi. Si è vista anche gente moshare vestita da elefante e che è salita pure sul palco, per dire…

DSC_0078

Come dicevo prima, gli headliner sono stati i tanto attesi Hacktivist. Premettendo che odio il rap mischiato con altri generi musicali, la band inglese è riuscita a tenere il palco saltando un ora e mezza e utilizzando batteria e chitarre talmente bene da farlo sembrare un beat rap prodotto da Jay-Z. Per tutta la durata del concerto hanno mischiato grime, hip-hop e breakdown con notevole facilità e la gente sotto il palco ha apprezzato più che mai questa scelta stilistica.
La serata è finita come da orari per l’1.45 di notte e noi, dopo due chiacchiere, siamo arrivati a casa alle 3.30, poco meno dell’ultima volta che ho fatto il reporter alle Lavanderie Ramone. Colgo l’occasione per salutare come sempre tutte le band che hanno suonato, i fonici, gli organizzatori e chi più ne ha più ne metal!

testo / Fabio Mattiuz – foto / Matteo Bertolino

Contrassegnato da tag , , , , , , , , , , , , , , , ,

STORM{O} + SELVA + DRY FOOD FOR DOGS + NOISE TRAIL IMMERSION live @ Daevacian (Bruino-TO)

Sabato 27 febbraio il ben temprato palco del Daevacian di Bruino (TO) ha dovuto sopportare il peso di una line up massiccia,roboante e,ci sentiamo proprio di dirlo,nazionalmente (e non solo) d’eccellenza. Stiamo parlando di Storm{O}selvə + Dry Food For Dogs + Noise Trail Immersion la quale,oltre a registrare un record d’ingressi nonché sold out per il prestigioso locale di provincia,ha regalato a tutti i presenti uno spettacolo sopra le righe. Difficile rimanere attenti e concentrati in quel girone infernale,ma tentiamo di spiegarvi cos’è successo.

DSC_0071.jpg

La serata inizia puntuale alle 22.00,con il locale già bello pieno e la sala concerti fremente. Tocca ai Noise Trail Immersion,consolidata realtà cittadina nota per non conoscere l’esistenza dei quattro quarti,ad aprire le danze con il diavolo. Il loro mathcore contorto e furioso è proprio quello che ci vuole per scaldare gli animi,ovviamente a suon di mazzate. Un piccolo inconveniente tecnico a pochi minuti dall’inizio manda k.o. il basso per un paio di tracce,ma nulla di grave: l’ampli ricomincia tempestivamente a tuonare,le 22 corde d’ordinanza vengono ripristinate,e la performance si conclude al meglio pochi minuti dopo. La stanza è già bella piena, ci si sposta al bancone per rinfrescarsi durante il rapido cambio palco.

DSC_0215.jpg

Ecco salire i Dry Food For Dogs,anch’essi torinesi,e inseriti nella serata dal nostro nuovo partner Last Sound Desing. Portano con loro,oltre a un quintale di violenza,un metal d’impatto,tecnico e moderno,ma con vari e piacevoli richiami al death più vecchia scuola. Il cocktail non delude,ma per sorseggiarlo è necessario uno stomaco d’acciaio: sotto il palco gli animi sono riscaldati e le ritmiche percussive inneggiano allo spintonamento compulsivo. C’è poco spazio per discorsi d’intrattenimento,le tredici tracce si riversano come una cascata sulle schiene del pubblico. Al termine della prestazione serve più di qualche sorso di birra per riprendersi.

DSC_0294.jpg

E’ il turno dei lodigiani selvə,che propongono un post-black influenzato dalla cupezza hardcore dei primi periodi. Questi ragazzi non giocano in casa,ma sanno di sicuro come creare l’atmosfera giusta: fanno spegnere tutte le luci on stage e piazzano nel centro dello stesso una lampada da comodino. Il risultato è sconvolgente,si percepiscono solamente le sagome dei musicisti,così come l’impatto della loro musica. Il batterista è in perenne blast beat,la voce e le chitarre sono taglienti e strazianti,ma c’è anche spazio per intermezzi melodici che ricordano alla lontana gli eccelsi Underoath. Il trio,nonostante abbia macinato chilometri per raggiungere il locale,è evidentemente amato dal pubblico nostrano: le emozioni e le legnate arrivano a cariolate.

DSC_0399.jpg

L’onere e l’onore di chiudere una serata di tale portata tocca ai bellunesi Storm{O}. Il loro post-hardcore è di un livello superiore,non per nulla sono ampiamente apprezzati oltralpe,nonostante i testi in italiano. Zero compromessi e tempi morti: la locomotiva veneta parte in orario e senza aspettare eventuali ritardatari,ogni pezzo è una badilata dritta sulle gengive,i ragazzi sotto il palco si ammucchiano al cospetto del cantante urlando a pieni polmoni i testi,le file posteriori spintonano per raggiungere i primi posti,la batteria martella senza sosta incalzata dallo stridio delle corde,lo scream ben cadenzato e sofferto aggiunge il giusto tono emozionale alla situazione. E’ un trionfo.

DSC_0512.jpg

Il potenziale della serata era indubbio,ma non ci saremmo mai aspettati un simile responso. E’ stato meraviglioso vedere valide band nostrane che ricevono la giusta attenzione,situazioni di questo genere sono possibili e non devono essere assolutamente l’eccezione. E tutto ciò è possibile grazie a voi,affezionati e nuove conoscenze,che seguite la musica e l’evoluzione degli eventi e siete presenti sotto quei palchi su cui gruppi talentuosi e meritevoli portano ore,mesi e anni di sudore e impegno. Siete presenti sotto quei palchi troppo spesso poco gremiti,fate la differenza. Continuiamo così. Alla prossima!

testo / Pietro Mugetti – foto / Matteo Bertolino

Contrassegnato da tag , , , , , , , , , , , , , , , , ,

IF I DIE TODAY +INFALL + BREATHE ME IN + ERA OF DISGUST live @ Daevacian (Bruino-TO)

Venerdì 19 febbraio abbiamo dato il via alla nostra collaborazione con l’etichetta/agenzia This Is Core,e lo abbiamo fatto con una line up di tutto rispetto e di grande potenza. Sul palco del Daevacian di Bruino (TO) si sono alternati Era Of Disgust,Breathe Me In,Infall e If I Die Today. Basterebbero questi nomi per farvi capire come è andata,ma noi facciamo di più e ve lo raccontiamo qua sotto.

12745619_1516763421952192_7577763421321675105_n.jpg

Noi di Turin Is Not Dead ci accapparriamo subito i nuovissimi Era Of Disgust,band nata pochissime settimane fa e con al suo interno volti noti della scena musicale del capoluogo. I ragazzi sono al primo live,ma a vedere da come suonano i pezzi proposti non sembrerebbe affatto. I brani spaziano dal deathcore al metal di stampo Lamb of God,dall’hardcore al metalcore più “storto”,e sicuramente non arrivano carezze ma solo tanti,tantissimi ceffoni. “Call of Despair” e “Sweping Out Monotony” alcune delle tracce uscite fino ad ora,ma ci aspettiamo grandi cose da questo gruppo nei prossimi mesi. Una bella scoperta in un panorama che tende ad andare verso le certezze piuttosto che mischiare un po’ i generi.

12743701_1516765048618696_830283164456232585_n

Seconda band a salire sul palco,poco dopo le 22.30,i torinesi Breathe Me In. Reduci dal live di qualche settimana fa di spalla agli austriaci Castiel alla Cavallerizza Reale di Torino,e prossimi ad aprire le danze durante la “Metalcore Night” di marzo con gli Hacktivist a El Barrio,sempre a Torino,i ragazzi sono passati in provincia con il loro metalcore di stampo Rise Records. “Inhale/Exhale”,il 7 tracce uscito lo scorso autunno per This Is Core,ha senza dubbio portato questa band direttamente nel panorama metalcore/post-hardcore cittadino. I brani seguono il trend del genere,spaziando tra breakdown e parti vocali in pulito,ma il punto a favore dei Breathe Me In va sicuramente alla presenza scenica,cosa mai facile per una band giovane. Aspettiamo il prossimo lavoro per questo gruppo,che potrebbe essere una conferma sia sulla scena del capoluogo sia una rampa di lancio per qualche data fuori regione.

12715604_1516765001952034_9190943765727662342_n

Con presa bene,grande attesa e felicità attendiamo tutti il ritorno sul palco del Daevacian dei nostri amici Infall,band di Arona (Novara);la prima volta ospitammo i ragazzi a ottobre,per una delle serate più forti tirate su dal nostro collettivo. In quell’occasione già descrivemmo il loro sound come uno dei più complessi ma allo stesso tempo immediati e “melodici” che avessimo sentito negli ultimi anni,e anche questa volta confermiamo le nostre impressioni. Norma Jean,The Dillinger Escape Plan e Every Time I Die senza dubbio ancora una volta le band che più si avvicinano a ciò che propongono gli Infall,altra band sotto This Is Core,che ha avuto la fortuna di girare un po’ ultimamente con l’album “Nitecomes”,vera bomba atomica mathcore. Sul palco nessuno resta fermo,le parti più pulite del cantato escono da paura e il risultato è come sempre un muro che viene tirato su,distrutto e ricostruito a ogni brano. Gli Infall meriterebbero molta più attenzione.

12729296_1516765721951962_7057681108575822125_n

A chiudere la serata ci pensano gli If I Die Today,un pezzo di storia dell’hardcore torinese e non solo. 9 anni di attività,coronati da “Cursed”,l’ultima fatica discografica uscita a ottobre per Sliptrick Records. L’album è un punto di svolta per i nostri,che approdano in un territorio molto vario,spaziando dal post-hardcore allo stoner,fino al rock’n’roll,ma senza dimenticarsi dell’incazzatura dell’hardcore che ha fatto di loro un peso massimo sulla scena italiana (hanno condiviso il palco con Sum41,Dead Kennedys,Dillinger Escape Plan,e suoneranno a inizio marzo di spalla a Frank Carter e ai suoi Rattlesnakes). Locale piccolo e lo spirito della band esce fuori: mega attitudine sul palco,presa bene a piene mani e brani che suonano via veloci come treni. Marco (voce) si appende ovunque,aizza le persone rimaste e sotto il palco,anche se non in molti,non ci si dà tregua e ci si diverte alla grande. Gli If I Die Today si confermano,anche se non ne avrebbero alcun bisogno,una delle band più calde e precise dell’ormai scarso panorama hc torinese: meglio pochi ma buoni,a questo punto.

12744032_1516765838618617_7047645524195415047_n

Ringraziamo This Is Core per la fiducia riposta in Turin Is Not Dead,il Daevacian per l’ennesima serata ospitata tra le sue mura,le band e il pubblico,tra cui abbiamo visto molte facce nuove,alle quali ovviamente va il nostro invito per le prossime serate firmate T.I.N.D. e un mega abbraccio per averci supportato.

testo / Luca Cescon – foto / Matteo Bertolino

Contrassegnato da tag , , , , , , , , , , , , , , , , ,